Strucoli in straza

Nella zona del Carso, qui nel Friuli Venezia Giulia, si usa fare uno strudel (detto STRUCOLO) che viene cotto nell’acqua in un canovaccio (detto STRAZA).

A seconda della zona, ci sono delle piccole differenze nel tipo di ripieno, che comunque c’è da dire, può essere modificato a piacere perché è bene ricordare che in cucina ci deve essere sempre un pizzico di fantasia!

Una particolarità è che questo Strucolo viene preparato sia dolce che salato; chiaramente cambiano alcuni ingredienti, ma il processo di cottura rimane lo stesso.

Di solito si usa mangiarli entrambi più d’inverno, ma sono dell’idea che se qualcosa piace la si può mangiare tutto l’anno.

Io, per quello dolce, seguo la ricetta che mi ha dato mia mamma mentre per quello salato ho ereditato precise istruzioni dalla nonna.

Dovendo ricordarci, anche in cucina, che siamo dei Menierici, vi consiglio di moderare il sale nello strucolo salato, anche perché il formaggio grattugiato darà comunque un buon tocco di salinità e gusto; per chi lo volesse o la preferisse, la ricotta potrà essere anche di latte di capra, di solito più facilmente tollerabile da chi ha problemi con i latticini; inoltre se qualcuno di voi vuole evitare la cioccolata, nello strudel dolce non serve affatto metterla, come non serve usare il lievito.
Intenzionalmente posterò solo qualche foto degli ingredienti, perché se avrete piacere di provare le ricette, vorrò vedere le vostre foto a piatto impiattato!

Buona preparazione e naturalmente buon appetito.

Strucolo alla carsolina

Ingredienti

  • 250 gr di farina
  • 1 uovo
  • 100 gr di pane grattugiato
  • 50 gr di burro (per il ripieno)
  • 50 gr di uva sultanina
  • 50 gr di noci
  • 30 gr di pinoli
  • 50 gr di mandorle macinate grossolanamente
  • cioccolata sbriciolata (a piacere)
  • 80 gr di burro (per condire)
  • zucchero q.b.
  • cannella q.b.
  • latte q.b.

Preparazione

  • Setacciate la farina e ammucchiatela sulla tavola.
  • Nel mezzo create una fossetta, rompete l’uovo e mettetelo dentro questa
  • Aggiungete un po’ di acqua (quanta ne contiene un uovo) e girate il liquido con una forchetta, facendo in modo che la farina lo assorba tutto
  • Lavorate l’impasto con le mani infarinate, finché tutto sarà ben incorporato.

Per il ripieno

  • Soffriggete il burro con il pan grattugiato, unite le mandorle e le noci sbriciolate grossolanamente, la cioccolata grattugiata, l’uvetta (precedentemente messa in ammollo nell’acqua o nel rhum), i pinoli e un po’ di zucchero quindi mescolate bene il tutto e lasciate raffreddare.
  • Spianate l’impasto “sulla straza” (canovaccio) infarinata, spargetevi sopra tutti gli ingredienti del ripieno, arrotolate bene alzando il tovagliolo e saldate i margini della pasta con un po’ di latte tiepido.
  • Chiudete le estremità del canovaccio con lo spago da cucina.
  • Cuocete lentamente nella “straza” per un’oretta in acqua leggermente salate bollente.
  • Lasciatelo raffreddare.
  • Tagliatelo poi a pezzetti e conditelo con il burro fuso, zucchero e cannella.

Strucolo di spinaci

(dosi per circa 8 porzioni)

Ingredienti per la pasta

  • 1 KG di patate farinose (come quelle che si usano per fare gli gnocchi)
  • 150 gr di farina
  • 1 uovo
  • sale, pepe, noce moscata (solo se vi piace)

Ingredienti per il ripieno

  • 1 KG di spinaci
  • 50 gr di burro
  • 150 gr di formaggio grattugiato (parmigiano reggiano)
  • 250 gr di ricotta

Ingredienti per il condimento

  • a piacere (salsa di pomodoro, burro fuso e formaggio grana, sugo di arrosto, ragù…)

Preparazione

  • Innanzitutto sbucciate e lessate le patate; lessate anche gli spinaci in abbondante acqua leggermente salata.
  • Una volta che le patate saranno cotte lasciatele raffreddare bene.
  • Quando saranno cotti anche gli spinaci, abbiate cura di farli scolare bene (io di solito li strizzo) e lasciate pure questi che si raffreddino.
  • Tornate all’impasto: mettete le patate nello schiacciapatate (o schiacciatele con la forchetta) e disponetele sul tavolo.
  • Aggiungete il un po’ di sale, il pepe (anche la noce moscata a chi piace) e l’uovo sbattuto;
  • incorporate piano piano la farina, fino ad ottenere un impasto omogeneo (simile a quello degli gnocchi).
  • Con le mani infarinate e l’aiuto di un mattarello, stendete l’impasto “sulla straza”, leggermente infarinata pure questa.
  • Procedete ora con la continuazione della preparazione del ripieno. Una volta scolati gli spinaci metteteli in una padella antiaderente e rosolateli con il burro, saranno più gustosi. Io non aggiungo mai il sale agli spinaci poiché ci sarà già il formaggio che insaporirà bene; lasciate di nuovo raffreddare. Nel frattempo vi consiglio di setacciare la ricotta, in modo che vada via il liquido.
  • Tagliate grossolanamente gli spinaci e aggiungetevi il parmigiano reggiano grattugiato e la ricotta. Mescolate bene e ponete il ripieno sopra la nostra pasta di patate, lasciando spazio ai bordi.
  • Arrotolate il tutto per bene e chiudete le estremità del canovaccio con lo spago da cucina.
  • Adagiate ora lo strucolo in una pentola capiente (meglio se avete una pesciera) e lasciatelo cuocere nell’acqua salata per una quarantina di minuti.

Quando sarà finalmente cotto, lo lasciamo raffreddare e lo tagliamo a fette.
Lo serviremo con un condimento a nostro piacere, come sopra scritto. Io per solito lo faccio gratinare con burro e altro formaggio grattugiato, ma lo adoro anche con il sugo di arrosto o con della semplice salsa, meglio naturalmente se fatta anche questa da noi!

Lisa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *