Eccoti di nuovo qua

La settimana scorsa Menny è tornata a trovarmi. Non con una classica crisi, ma con sintomi completamente nuovi, mai provati prima.

Erano ormai quasi 5 anni che mi lasciava in pace, a parte qualche fastidio ogni tanto, e devo ammettere che un po’ me l’aspettavo questo ritorno. Non perché sia pessimista, ma perché ormai la conosco e so che ogni tanto sente il bisogno di bussare alla mia porta e ricordarmi che lei comunque c’è.

Devo ammettere che la sua presenza, una volta diventata mamma, mi spaventava parecchio. Mi spaventava l’idea di star male nel caso in cui fossi stata sola con Martina, l’idea di non riuscire a prendermi cura di lei. E come per tutte le altre paure che avevo, in merito alla Ménière prima della gravidanza, sono riuscita a sconfiggerla solo affrontando il momento che tanto avevo temuto.

Per un pomeriggio mia mamma ha dovuto tenere Martina e per una sera non sono riuscita a darle da mangiare, prepararla e metterla a letto. E di questo ho pianto, sono onesta. So perfettamente che lei non ha avuto alcun tipo di mancanza o problema, perché di queste cose si è occupato il suo papà, ma non poter essere li con lei, essere impotente davanti alla malattia, nonostante fosse già successo altre volte, in questo caso mi ha fatto male.

Poi mi sono ricordata che Menny è stata anche tanto clemente con me. 5 anni ammici! E una gravidanza e un parto senza alcun fastidio. Cosa posso chiedere di più?

Ho poi sentito il mio fantastico otorino che, come sempre, è intervento immediatamente e mi ha dato la cura giusta per rimettermi in piedi e stare nuovamente bene.

Quanto durerà? E chi lo sa. Ma mi godo ogni momento di benessere, non ne spreco nemmeno un secondo. Perché il bello di Menny è proprio questo. Arriva, ci sconvolge ma poi passa. E ci regala questa magnifica pace.

Mimi

1 commento
  1. Cristina
    Cristina dice:

    Mimi, tesoro.Stai tranquilla ti lascerà in pace. Sei troppo in gamba per lei. Sua come donna che come mamma.Ti abbraccio fortissimo ❤

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *