L’anatomofisiologia dell’orecchio interno

Abstract

Circum Menière 2019
Centro Congressi del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
Via Gobetti 101, BOLOGNA (BO)

8 giugno 2019

ore 9.20

Dott. V.E. Pettorossi

Dott. V.E. Pettorossi

Funzioni del sistema vestibolare.

Il sistema sensoriale vestibolare in collaborazione con altri sistemi sensoriali come quello propriocettivo e il visivo rileva il movimento della testa e la sua posizione nello spazio.

Le caratteristiche dei recettori vestibolari consentono di rilevare cambiamenti posizionali molto dinamici essendo sensibili alle accelerazioni angolari (i recettori dei canali semicircolari) e a quelle retto lineari (i recettori otolitici) per dare luogo a riflessi oculari che permettono il mantenimento della stabilità dello sguardo, avviare riflessi posturali per l’equilibrio e orientare il corpo nello spazio. Oltre che per l’attività riflessa il sistema vestibolare è fondamentale per la percezione della posizione e del movimento del nostro corpo.

Per ottenere risposte efficaci e rapide il sistema sensoriale viene eccitato ed inibito nelle due direzioni (push-pull) ed è molto attivo per avere un migliore punto operativo. Pertanto i neuroni del circuito vestibolare debbono presentare un pari livello di attivazione nei due lati in condizioni di riposo. Tuttavia se questo bilanciamento viene perso i riflessi e la percezione di movimento sono notevolmente alterati con attivazione di movimenti anomali oculari (nistagmo), squilibri posturali, vertigine.

I segnali vestibolari debbono inoltre integrarsi con quelli propriocettivi e visivi in modo congruo. Discordanze sensoriali possono provocare risposte posturali alterate, disequilibri e instabilità posturale ed instabilità percettiva.

Il contributo vestibolare alla stabilità oculare e all’equilibrio viene indagato usualmente attraverso l’analisi dei riflessi vestibolooculari e la posturografia statica e dinamica, ma è necessario estendere l’indagine agli aspetti percettivi per poter comprendere meglio il disagio che viene avvertito da pazienti con alterazioni vestibolari. Infatti la ricostruzione centrale della percezione dei movimenti necessita di reti nervose ben separabili da quelle delle funzioni riflesse.

Infine, è stato recentemente messo in evidenza un significativo ruolo del sistema vestibolare anche per aspetti cognitivi ed emotivi coinvolgenti la memoria, l’orientamento spaziale e temporale, la sequenza di numerazione, la percezione di sé e perfino l’umore. (Review: Britton Z and Qadeer Arshad. Vestibular and Multi-Sensory Influences Upon Self-Motion Perception and the Consequences for Human Behavior Frontiers in Neurology, 2019).

Versione Scaricabile
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *